Ricordiamo la scadenza della proroga al 30 settembre, entro il quale inviare la ” Dichiarazione annuale per l’Imposta di soggiorno”  con il riepilogo delle presenze per l’anno 2020 e 2021, attraverso la piattaforma dell’Agenzia delle Entrate.
Occorre accedere nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate dove troverà un apposito servizio  che consente agli utenti di predisporre e inviare interattivamente la dichiarazione relativa agli anni di imposta 2020 e 2021. Una volta che l’utente ha effettuato l’accesso, trova il servizio all’interno della scheda “Servizi”, nella categoria “dichiarazioni” .
Deve essere presentata da chiunque eserciti attività ricettiva, comprese le locazioni turistiche e i b&b e anche nel caso in cui il gestore non abbia avuto presenze. Questo adempimento avrà poi scadenza annuale a giugno.

Sono arrivati anche i chiarimenti dal dipartimento delle finanze in vista della scadenza del 30 settembre per la dichiarazione relativa agli anni 2020 e 2021. Il Dipartimento delle Finanze del Mef ha pubblicato sul proprio sito web 29 FAQ che riassumono e risolvono i dubbi più comuni degli interessati all’adempimento.

Lo rende noto FiscoOggi, il giornale on line dell’Agenzia delle Entrate, nell’articolo “Dichiarazione imposta soggiorno, chiarimenti in vista della scadenza“.

“Il termine per dichiarare il tributo locale opzionale che gli enti locali possono scegliere di istituire nei confronti di chi alloggia in strutture ricettive situate sul proprio territorio”, illustra FiscoOggi,  “è infatti slittato in via eccezionale causa Covid di tre mesi, dal 30 giugno al 30 settembre 2022. A sancire il differimento, è stato il decreto ‘Semplificazioni fiscali’. La misura interviene infatti sia sulla disciplina dell’imposta di soggiorno, che affida al gestore della struttura ricettiva la responsabilità del pagamento del tributo e della presentazione della relativa dichiarazione, sia su quella del regime fiscale delle “locazioni brevi”. La responsabilità degli adempimenti connessi all’imposta di soggiorno (versamento e dichiarazione) ricade su chi incassa il canone o il corrispettivo per la locazione ovvero che interviene nel pagamento di tali somme, generalmente l’intermediario immobiliare, anche tramite portale telematico (articolo 4, comma 5-ter, Dl n. 50/2017)”.

Il Dipartimento precisa che per l’imposta di soggiorno deve essere presentata una distinta dichiarazione per ciascuno degli anni coinvolti (2020 e 2021). Il termine “cumulativamente”, scritto nella legge, si riferisce infatti solo ai dati che vanno dichiarati nell’anno di riferimento. FiscoOggi ricorda, infine, che il modello per la dichiarazione dell’imposta di soggiorno, è disponibile, con le relative istruzioni di compilazione e le specifiche tecniche per la trasmissione telematica, sul sito del dipartimento delle Finanze. L’invio avviene attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, utilizzabili dopo aver acceduto alla propria area riservata.

Per informazioni: segreteria assoturismo 0521 382611 o il proprio consulente fiscale.